OPEN DAY 20 MARZO 2019


 

 

whatsapp-image-2019-03-06-at-07-39-06whatsapp-image-2019-03-08-at-01-02-09

 

L’ABAV sarà a tua completa disposizione, con laboratori e aule dedicate per conoscere i corsi TRIENNALI, BIENNALI, E MASTER.
Dai spazio alle tue IDEE e costruisci il tuo FUTURO.
Tutti gli interessati avranno la possibilità di partecipare a Workshop gratuiti con rilascio di certificati di presenza. Prenotati su https://it.surveymonkey.com/r/abav-openday2019




OPEN DAY – 15 MARZO 2018 – Iscrizioni Aperte a.a.2018/2019


È il momento di decidere il tuo FUTURO. L’ABAV ti aspetta con una giornata ricca di laboratori aperti dove potrai conoscere i docenti, lo staff e i luoghi che vivrai i prossimi anni. Prenotata ora il tuo Laboratorio al seguente link https://it.surveymonkey.com/r/abav-openday2018

locandina-openday-15marzo-abav2018




PACK AND GO – MOSTRA


Pack-and-go-ABAV-15x15

Mostra Dal 26 giugno al 2 luglio 2017 dalle ore 10:00/13:00 e dalle 17:00/20:00 presso la Sala Anselmi in via Saffi, Viterbo
Un bastimento carico di visioni>

Dall’imput Pack and go abbiamo tradotto due tematiche: il bagaglio e il viaggio. Cercando di immaginare un contenitore per le opere e le indagini frutto nel nostro lavoro, abbiamo pensato ad una nave, simbolo per eccellenza del viaggio verso l’ignoto e l’altrove.
Il progetto prevede ricerche che, partendo dalle tematiche, si svilupperanno in direzioni diverse nel tentativo di analizzare e mettere in campo le diverse reazioni, intime e personali, dei soggetti coinvolti. Proiezioni e variazioni sulle nozioni di “bagaglio” e “viaggio” pensate e rappresentate con forme e pensieri espressi con gli strumenti dell’arte. Questa è un’idea possibile per il nostro progetto di mostra.
Possiamo ora provare ad immaginare un ambiente che riproduce per accenni la struttura interna di una nave, bastimento, vascello, veliero? Avremo delle vele, un pennone, cordami, bauli, valigie ed altri bagagli, un ponte, ambienti di transito, salotti, panchine, tendaggi e altri elementi di arredo. In questo ambiente andremo ad inserire le nostre opere, il frutto del nostro lavoro, qualcosa che possiamo chiamare Arte.
Arte come espressone di se.
Arte come racconto.
Arte come forma di resistenza.
Arte come sogno.
Arte come finzione.

Arte come strumento di indagine e di conoscenza, di se stessi e del mondo. Costruire il presente e progettare il futuro sono i motori e il senso dell’arte, da sempre. Tra le tende degli arredi troveremo le nostre visioni, le nostre finestre sul mondo. la nostra presenza attiva su questa nave o forse meglio, astronave.
In rotta , fuori rotta, tra interno ed esterno, rischiando approdi, avanguardia in avanscoperta alla ricerca di nuovi mondi, flusso che scorre tra presente e futuro, un viaggio è sempre verso la fine del tempo.

Un clandestino è a bordo, è fuori o dentro ognuno di noi?
Se esiste un altrove, qui, ora, dove siamo?
Se questa è un’ipotesi per un presente plausibile, un futuro è progettabile?

Queste e tante altre domande scaturiscono dal tema, Pack and go è un invito alla ricognizione: viaggio, ricerca, fuga, identità ,memoria, ma è anche un invito all’analisi: costruzione, artificio, fatalità, intimità, emergenza, bisogno.

Una mostra ha sempre bisogno di un movente, un argomento forte da affrontare, per noi si tratta di presentare i risultati del nostro lavoro, delle ricerche e dei pensieri di un anno accademico vissuto insieme. Abbiamo l’opportunità per raccontare il nostro viaggio e mostrare il nostro bagaglio-opera, prodigio, straordinario miracolo dell’arte. Tra i veli della storia e le polveri della memoria troviamo il mito del viaggio e della visione mitica di una nave, da Ulisse a Odissea nello spazio, dall’arca salvifica di Noè al Titanic… Ora a bordo ci siamo noi. Questo è il nostro presente, la nostra piccola porzione di storia e di tempo.
Fuori c’è il mare, la furia e la concordia degli elementi, la mostruosità e la grazia degli umani,
il canto delle balene, il vento e il richiamo dei gabbiani e lontano il rumore delle città, il fermento delle varie attività umane, il tempo, lo spazio, il rumore dei passi di una folla, l’odore acre di una guerra…

Tutto si può fare se si pensa ad un lavoro inclusivo, come in un’orchestra.
Interdisciplinarietà e multidisciplinarietà saranno il vero esercizio che andremo a fare nell’allestire questa mostra. Un ambiente multimediale e multisensoriale, qualcosa che vuole andare oltre il concetto tradizionale di mostra. Partiamo dallo spazio, con le sue caratteristiche e le sue particolarità e andremo a viverlo ed abitarlo con le nostre cose trasformandolo. Creeremo la nostra scena, il nostro habitat, la nostra dimora percorribile e visitabile. Un androne magico, la nostra pancia della balena, un luogo privilegiato da dove meditare sulle cose del mondo, interiore ed esteriore, simultaneo comunque. Un nido, un guscio di noce per galleggiare nella nostra stanza-mare spinti dal vento dell’immaginazione che è il cuore del nostro mestiere. Si tratta di imparare a lavorare insieme, fare rete, confrontarsi e collaborare. Fa bene al lavoro e potrebbe essere il vero obbiettivo di una scuola che si pone come luogo di ricerca nell’ambito dell’estetica e dell’etica del contemporaneo




Accademia di Belle Arti “Lorenzo da Viterbo”, successo all’Open Day: ospitati 300 ragazzi


Gran folla oggi 22 marzo 2017 all’Accademia di Belle Arti “Lorenzo da Viterbo” che ha aperto le porte a tutti gli studenti del territorio per illustrare l’offerta formativa del prossimo anno accademico 2017/2018.
Trecento i ragazzi che si sono distribuiti nei molteplici Workshop dove ha contatto con illustri Maestri hanno potuto cimentarsi nelle varie discipline partecipando fattivamente da protagonisti e non semplici spettatori.
Ad essi si sono affiancati giovani artisti e professionisti diplomati dell’Accademia che hanno portato la testimonianza dei risultati da loro raggiunti.

Maurizio Varamo il Direttore Artistico del Laboratorio di scenografia del Teatro dell’Opera ha intrattenuto i giovani visitatori nel laboratorio di scenografia suscitando in loro notevole interesse ed entusiasmo per la disciplina.

Franco Ciambella stilista e costumista di fama internazionale, coordinatore della scuola di Fashion Design ha tenuto un Workshop di Creative T-shirt coadiuvato dalla diplomata Federica Cultrera, mentre la dott.ssa Ilaria Moioli li ha introdotti alle tecniche di Disegno del Tessuto.

Grande attività in 3D nel laboratorio di Graphic Design dove il prof. Fabrizio Pinzaglia ha sviluppato un percorso per la comprensione del 3D analogico e a seguire la stampa in 3D. Marco Oroni, diplomato dell’Accademia ha dato una dimostrazione dei suoi lavori in video Mapping.

Il noto scultore Roberto Joppolo professore della cattedra di Scultura ha condotto il laboratorio di modellazione della creta e con Valentina Spiriti e Lavinia Salvatori, diplomate dell’ABAV, hanno dato dimostrazione della cottura della ceramica Raku, all’aperto nel cortile.

Pasquale Altieri docente della cattedra di pittura e Mario Romagnoli docente della cattedra di disegno e anatomia artistica hanno condotto un estempore in pittura a più mani e disegno dal vero con modella che ha impegnato i partecipanti per l’intera giornata.

Marco Pagliaccia in collaborazione con la Diplomata Alessia Pelecca hanno tenuto il workshop sulla stampa calcografica.

Nel laboratorio di Cinema e Televisione Giovanni Leacche, regista della RAI, ha prodotto un minicortometraggio coinvolgendo i partecipanti nelle operazioni di ripresa e in tutti i necessari ruoli. Dopo il necessario montaggio il corto verrà pubblicato sul canale dell’ABAV.

Il prof. Luigi Sepiacci ha coinvolto gli studenti in un laboratorio di sala posa facendoli alternare da entrambi i lati della macchina fotografica sia come fotografi che come modelli, realizzando ritratti in primo piano con un attento uso delle luci. Nella Camera Oscura dell’Accademia Manuela Moroni ha sperimentato con i presenti la stampa fotografica di negativi con l’antica tecnica della cianotipia.

I professori Carlo Casi, archeologo, e Fabio Detti, esperto in beni culturali, hanno presentato il corso i Restauro e il corso di Valorizzazione dei Beni Culturali.




ISCRIZIONI APERTE A.A. 2016/2017


Iscrizioni Aperte a.a. 2016/2017




VITERBO IN ARTE


L’ABAV Accademia di Belle Arti Lorenzo da Viterbo presenta VITERBO In ARTE, un’esposizione di opere ispirate alla natura e realizzate dagli studenti dei corsi di Pittura, Scultura, Moda, Fotografia e Grafica. L’esposizione di opere di Arte Figurativa è patrocinata dal Comune di Viterbo, sarà allestita negli splendidi spazi degli Ex Tribunali a Piazza Fontana Grande dal 27 Aprile al 1 Maggio 2016.

La mostra collettiva allestita nella splendida Sala Centrale, intende mostrare in modo rigoroso i progetti realizzati nel corso del programma di studio delle diverse discipline Artistiche, realizzati tra il 2015 e il 2016.
In mostra la rappresentazione di opere che si ispirano alla natura e al territorio, dalle tecniche e linguaggi più svariati, tra astrazione e figurazione, in cui la natura diventa il tema dominante della rappresentazione creativa degli artisti in mostra.

VITERBO IN ARTE




GUIDA ALLO STUDENTE


Invitiamo tutti gli studenti, genitori, famiglie, docenti, professionisti, staff didattico e aziende sponsor: per un giorno, presso l’ABAV.
Vi offriamo l’opportunità di vedere con i vostri occhi tutti i laboratori, le aule ed inoltre saremo a vostra disposizione per spiegarvi al meglio cosa offriamo.
Un opportunità unica per visitarla e viverla.

Per informazioni prenotazioni e visite guidate contattare +39 0761 220 442

OPEN DAY – 11-12-13 SETTEMBRE 2018
2-fb-openday-11-12-13-settembre-abav2018